giorno della memoria

Nell’atrio del palazzo comunale di Cuneo è collocata una lapide posata nel 1952, nell’anniversario della morte di Duccio Galimberti, e in segno di disprezzo verso la liberazione del feldmaresciallo Albert Kesserling, processato e condannato a morte per gli eccidi nazisti commessi ai suoi ordini in territorio italiano (tra cui le Fosse Ardeatine, Marzabotto, Sant’Anna di Stazzema).

La condanna a morte fu subito commutata in ergastolo, e Kesserling venne rilasciato dopo pochi anni a causa delle sue gravi condizioni di salute.

Tornato libero, il camerata Kesserling non si pentì mai del suo operato, e anzi sostenne che per quello che aveva fatto durante i 18 mesi del suo comando in Italia, gli italiani avrebbero dovuto fargli un monumento.

E Piero Calamandrei non se lo fece ripetere due volte.

Immagine

Annunci

Un pensiero riguardo “giorno della memoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...