senza futuro

B: «buongiorno»

T: «buongiorno, mi chiamo cappelli, ci siamo sentiti per telefono»

B: «ah, sì, lei è qui per il mutuo»

T: «no, non proprio, sarei interessato a una fideiussione»

B: «ah, capisco. che garanzie ha?»

T: «guardi, questa è mia madre, le ha portato la sua ultima dichiarazione dei redditi e poi ha un monte titoli abbastanza cospicuo proprio in questa banca»

B: «mh, mi faccia vedere…ah, certo, la signora cappelli. che stupido che sono, mi scusi tanto, non l’avevo riconosciuta, lei è una cliente storica della nostra filiale di via montenero di bisaccia.»

V: «eh, sì, sono quarant’anni che ho il conto con la vosta banca»

B: «beh, allora non dovrebbero esserci problemi, sarebbe sufficiente una firma di sua madre»

T: «eh, l’ho portata apposta»

V: «comunque è uno schifo!»

B: «che cosa signora?»

V: «questi poveri giovani a cui non viene data fiducia, non viene dato spazio, che non hanno le stesse possibilità che avevamo noi, e a trent’anni si ritrovano ancora a dover chiedere l’aiuto della mamma – si figuri, sono vedova e pensionata e se non fosse per i soldi che ha lasciato mio marito anche mio figlio sarebbe in mezzo a una strada, sa, fa il precario – altrimenti non possono fare niente, non possono prendere alcuna iniziativa…»

B: «eh, signora, lo so…»

T: «…»

B: «bene, torniamo alla fideiussione. dovrebbe dirmi la somma che vuole garantire»

T: «aspetti, mi faccia vedere, dunque…il colosseo quanto me lo valuta?»

B: «mi scusi?!»

T: «il colosseo, quello di Roma»

B: «e cosa c’entra il colosseo?»

T: «eh, io vorrei fare un attentato al colosseo, una cosa non troppo impegnativa per la verità, parliamo proprio di un petardo, una piccola bomba carta. magari di notte, avvertendo prima così lo chiudono con un certo anticipo»

B: «…»

T: «allora? qualche problema?»

B: «problemi? no, assolutamente. sto consultando il nostro programma di insurance risk evaluation. diciamo che per un attentato senza danni alle strutture del monumento, magari fatto di notte, dovremmo stare sui quindicimila. se invece vuole stare tranquillo, e mettere in conto qualche pietra scheggiata – sa, quella è roba vecchia, poi sicuramente fanno storie – beh, allora le direi di fare una bella fideiussione da trentamila euro, tanto la mamma la copre agevolmente, e lei se ne sta bello tranquillo. che dice? preparo i documenti?»

T: «mamma, te che dici?»

V: «ma sì tesoro, amore bello della tu’ mamma, per te questo e altr…»

T: «ma no mamma, non piangere, su, così mi commuovo anch’io…»

B: «su, signora, non faccia così. allora preparo le carte.»

V: «avete ragione scusate, è che spero che finalmente abbia trovato la sua strada, è tanto un bravo ragazzo»

T: «vedrà signora, suo figlio è un bravo ragazzo, le darà una soddisfazione enorme,  tutta questa intrapredenza un giorno sarà premiata»

V: «speriamo dottore, speriamo»

Legenda

B: banchiere; T: terrorista-precario; V: vecchia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...