maramaldi

il 3 agosto 1530, in quella che sarà ricordata come la battaglia di gavinana, il soldato di ventura fabrizio maramaldo, schierato con l’esercito dei medici, uccise il capitano fiorentino francesco ferrucci dell’esercito della repubblica, dopo che questi si era arreso.

fabrizio maramaldo si fece condurre il prigioniero sulla piazza di gavinana, lo disarmò e, violando qualsiasi regola cavalleresca (anche per vendicarsi delle angherie a cui il ferrucci lo aveva sottoposto), lo colpì al petto per poi lasciare che i suoi soldati lo trucidassero.

dal suo nome, francesco maramaldo, è nato un sostantivo che ancora oggi indica una persona che infierisce sui più deboli e sugli inermi, o è pronta a sopraffare, a tradire qualcuno non appena ne scorga i punti deboli o l’impossibilità di difendersi.

prigionieri. feriti. deboli. inermi. impossibilità di difendersi.

vorrei tranquillizzarvi, non stiamo maramaldeggiando, stiamo solo godendo.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...