hot pants

questa cosa della catastrofe nucleare piace molto ai giornali italiani, e non possiamo certo rimproverarli. a chi non piacerebbe poter aprire ogni giorno con titoli a nove colonne come: “rischio atomico!”, “nuvole radioattive!”, “piogge acide!”?

è subito millenovecentottantasette, un salto nostalgico negli spettacolari anni ottanta, gli anni della guerra fredda, dei missili a lunga gittata, del rischio nucleare, del medio oriente che esplodeva, del terrorismo internazionale, roba che ogni giorno avevi l’imbarazzo della scelta, non come oggi invece, nei noiosi duemila, con tutte queste prime pagine sulla politica interna e sulle peripezie erotomani di un povero vecchio.

tutto questo ha poi conseguenze inevitabili, come il fatto che siamo tutti qui ad aspettare di poter esercitare il nostro diritto al panico, assaltando supermercati, chiudendoci in casa a recuperare arretrati di serie tv, comprando scarpe con venti centimetri di suola pur di non entrare in contatto con la terra contaminata, mentre in giappone hanno bisogno dello stesso coinvolgimento che siamo in grado di assicurare per un terremoto nel terzo mondo. i giapponesi sono composti, i giapponesi erano preparati, ma questo non toglie che ora si ritrovino con un paese devastato (solo tokyo si può dire che abbia limitato i danni), e tutta questa corsa a sottolinearne il coraggio e la civilità, sembra nascondere un desiderio di non occuparsi dei problemi che avranno. sono un paese del primo mondo, ipersviluppato, se la caveranno da soli. come se avessimo paura di ammettere che tutta quella preparazione non è bastata a salvarli dalla tragedia.

il pericolo nucleare ha superato le conseguenze dello tsunami, va detto però che l’unico rischio concreto per noi, in questo momento, non è la contaminazione radioattiva, ma quello di trovarci improvvisamente costretti a indossare un paio di pantaloncini da ciclista e una bella fascia fosforescente sulla testa, in questa rievocazione storica del pericolo nucleare e di tutta quell’estetica catastrofica anni ottanta.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...